Monza: violenze nel centro di accoglienza, operatori aggrediti

Trambusto, sangue e violenza ieri pomeriggio in via Asiago. Lo scrive il Giorno

Nel fortino dove sono stati stipati alcuni profughi e richiedenti asilo assegnati alla città diMonza, il 22 luglio si è registrato un episodio di violenza: un cittadino di origine sudanese si è infuriato contro gli operatori di una cooperativa che si occupa dei richiedenti asilo e ha spaccato la testa a una sua connazionale che aveva tentato di mettersi in mezzo (10 giorni di prognosi) con una sedia. Poi è fuggito su una bicicletta fino alla stazione ferroviaria, dove è stato alla fine identificato dai carabinieri, portato in caserma e rilasciato. Rientrato a casa, sempre in via Asiago, ha dato nuovamente in escandescenze a mezzanotte.

Esasperati i residenti, come spiega la loro portavoce Cristina Crippa: “La situazione è senza’altro migliorata dopo che il numero di ospiti è sceso del 50% su iniziativa del ministro, ma qui restano ancora una cinquantina di persone, il via vai è continuo e i problemi di ordine pubblico e convivenza si avvertono sempre. La nuova Giunta? E’ venuto in visita anche il neo assessore alla Sicurezza, ma il problema è nelle mani della prefetta: solo lei può intervenire per cambiare questa situazione intollerabile, mormai sono due anni che noi pochi residenti italiani (ujna trentina) siamo in queste condizioni”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -