Migranti, Gentiloni: “Non accettiamo lezioni o minacce da Paesi UE”

“L’Italia sta facendo il suo dovere e pretendiamo che l’Europa lo faccia a fianco dell’Italia e non accettiamo improbabili lezioni o minacce come quelle che abbiamo ascoltato nei giorni scorsi. Così il premier, Paolo Gentiloni, intervenendo alla ‘Cooperativa Piergiorgio Frassati‘, fa riferimento alla questione dei migranti.

L’Italia è un Paese in questo momento in particolare impegnato a garantire sicurezza e coesione e a cercare di predicare la necessità di non alimentare odi e paure, un Paese impegnato a farsi carico di un peso che dovrebbe essere più condiviso in Europa”, ha proseguito Gentiloni osservando: “Credo che dai nostri vicini e più in generale dai Paesi che con noi condividono il progetto dell’Unione Europea abbiamo il diritto di pretendere solidarietà”.

“Non accettiamo lezioni – ha ribadito – tanto meno possiamo accettare parole improbabili e minacciose come quelle che abbiamo ascoltato alcuni giorni fa da nostri vicini, ma serenamente ci limitiamo a dire che noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l’Europa intera faccia il suo dovere a fianco dell’Italia invece di dare improbabili lezioni al nostro Paese”, ha concluso il premier. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -