Angola: “No a ingerenze della UE nelle elezioni”

L’Angola contro l’Unione Europea sulla missione di osservazione elettorale del 23 agosto. Luanda ha respinto le condizioni di Bruxelles, ossia la firma di un memorandum che prevede tra l’altro l’accesso degli osservatori a tutti i seggi del Paese.

“Non abbiamo nessun obbligo verso gli altri, nessuno può imporci il proprio modo di osservare le elezioni”, ha reagito il ministero degli Esteri angolano.

Dal canto suo la scorsa settimana l’Unione Europea aveva affermato che l’invito dell’Angola era stato inviato tardivamente. Ora il rifiuto di Luanda per alcuni è interpretato come la volontà del “movimento popolare per la liberazione dell’Angola”, il partito al potere, di coprire eventuali brogli elettorali.

Le elezioni che segneranno la fine di 38 anni di potere di José Eduardo dos Santos, che non si candida, dovrebbero essere monitorate da circa 3000 osservatori. EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -