Consulta: cambiamento di sesso legato all’identità personale

Condividi

 

TRENTO, 14 LUG – La Corte costituzionale interviene sulla questione della rettificazione del sesso precisando che essa va collocata fuori dall’aspetto ‘medicalizzante’ ed ancorata alla tutela dell’identità della persona. La sentenza depositata dalla Consulta risponde a quesiti posti dal Tribunale di Trento in riferimento a due casi seguiti dall’avvocato trentino Alexander Schuster.

Il legale osserva che questa sentenza “evita di indulgere nella persistente prassi di molti tribunali di considerare l’accertamento come l’accertamento di una patologia. Finalmente la Corte abbraccia un discorso più ampio, capace di restituire alle persone trans una dignità. Ciò che conta per la Corte è il percorso specifico alle ‘insopprimibili peculiarità di ciascun individuo’ e i caratteri sessuali rilevanti non sono più solo quelli primari e secondari, ma tutti quelli che ‘che concorrono a determinare l’identità personale e di genere’, in primis – quindi – anche quelli psicologici e comportamentali”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -