Migranti: ecco che cosa prevedono Triton e Dublino

Ecco cosa prevedono il Piano operativo della missione Triton concordato con Frontex ed il regolamento di Dublino sull’asilo.
* Il Piano dell’operazione Triton è stato messo a punto tra settembre e ottobre del 2014 e l’operazione ha preso il via il primo novembre dello stesso anno. Vi partecipano 27 Paesi.
– Nel maggio del 2015 il raggio di attività dell’operazione è stato ampliato e portato fino a 138 miglia nautiche a Sud della Sicilia.
– Tutte le unità navali che partecipano all’operazione e che operano sotto il comando di Roma sono state autorizzate dall’Italia a sbarcare sul suo territorio, in condizioni di sicurezza, le persone intercettate e salvate.
– La stessa regola è stata applicata dalla Grecia per l’operazione Poseidon e dalla Spagna per Indalo.

– L’Italia punta a una revisione del Piano operativo entro l’anno affinché i migranti possano essere sbarcati anche nei porti degli altri Paesi che partecipano a Triton.
* Il regolamento di Dublino – la cui ultima versione e’ stata adottata nel 2013 ed è entrata in vigore il primo gennaio 2014 – prevede che qualsiasi domanda di asilo deve essere esaminata da un solo Stato membro. Lo Stato competente e’ quello dove abitano i parenti stretti del richiedente o dove ha gia’ ricevuto un permesso di soggiorno. In seconda battuta e’ lo Stato di primo ingresso. Di fatto e’ il criterio piu’ utilizzato. Per stabilire di quale si tratta, c’e’ una banca dati centrale, Eurodac, con le impronte di chi entra irregolarmente o presenta richiesta di asilo.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -