Campane rumorose, 4mila euro di multa. Il parroco: «Attacco alla fede»

MAJANO (Udine) – Multa di 2000 euro con contestuale richiesta di pagare le spese sostenute, di oltre 1800 euro, più Iva, perché la campane della chiesa di San Pietro e Paolo di Majano il suono delle campane supera la soglia di legge dei 60 decibel. Lo sgradito verbale arriva al parroco, don Emmanuel Runditse, un sacerdote del Burundi, con esperienze drammatiche alle spalle, come quando, mentre celebrava la messa nel suo Paese d’origine, furono uccisi sotto i suoi occhi 122 fedeli riuniti in preghiera.

Lo scorso anno – scrive il Gazzettino – parte un esposto perché, per 4 persone del paese, le campane della chiesa suonano troppo forte. Arriva l’Arpa che fa i rilevamenti, dal 23 al 29 marzo, posizionando una centralina in paese. Martedì scorso arriva la multa dal Comune, tramite l’ufficio dei vigili urbani.

«Cosa ne penso? Che o ce l’hanno con me, personalmente, e a quel punto me ne vado, se qui non mi vogliono più, o si tratta di un vero e proprio attacco alla Chiesa e alla fede cristiana. Sessanta decibel? Allora tutte le campane d’Italia dovrebbero smettere di suonare, perdendo una tradizione di secoli e secoli. Si figuri, poi, che confusione possono fare le nostre campane, che suonano alle 7 alle 12 e alle 19. O se muore qualcuno. Perché ormai non si suona più per i nuovi nati, che non ci sono, o per i matrimoni, una rarità pure quelli».

Don Emmanuel, perlatro, fa notare che quelle campane sono ancora da pagare: «Quando sono arrivato in parrocchia ho trovato 130mila euro da pagare, per queste campane; adesso si sommano pure i soldi della multa. Domenica, a messa, chiederò ai fedeli di essere generosi, più di quello che sono sempre, perché siamo sommersi di debiti. Spiegherò chiaramente quello che è successo».

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Islam a Padova, la città si risveglia con le urla del muezzin

 



   

 

 

1 Commento per “Campane rumorose, 4mila euro di multa. Il parroco: «Attacco alla fede»”

  1. NEL ’55 ERO A PREGANZIOL – POI TREVISO – FUI SVEGLIATO “ERA FESTA” DA UN SUONO DI CAMPANE INFINITO – PER ME, NON ABITUATO RIMASI INCOLLATO ALLA FINESTRA … A GODERMI I SUONI –
    NEI SECOLI FINO AD OGGI NESSUNO HA RECLAMATO – ANZI . SERVIVANO I SUONI LA MATTINA – A PRANZO E PER LA CENA.-
    INTEGRAZIONE , ??? ALLA ROVESCIA..!!! –
    LA MULTA IL PRETE LA METTA IN CORNICE – E’ UN FATTO STORICO- IN AVVENIRE POTRà AVERE UN VALORE “COME ERAVAMO”-
    PROSIT

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -