Boschi: ”Donne, non aspettate il primo schiaffo per denunciare”

“Alle donne dico di non aspettare il primo schiaffo” per denunciare la violenza del compagno, ma di prendere coscienza di questa realtà già dai primi segnali. VIDEO QUI >>>>

E’ questo l’invito rivolto dal sottosegretario alla Presidenza con delega alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi, intervenuta al congresso della Cisl in una sessione dedicata alla prevenzione della violenza sulle donne. Boschi ha anche annunciato che lunedì verrà pubblicato un bando che mette a disposizione 22 milioni per le associazioni che si occupano del recupero delle vittime della tratta di donne.

Boschi ha parlato dopo l’intervento di don Aldo Bonaiuto, animatore della Comunità Giovanni XXIII (fondata da don Oreste Benzi) che da anni si occupa di aiutare le donne che sono state ridotte in stato di schiavitù e avviate alla prostituzione forzata. Boschi ha osservato che le istituzioni possono dare alle associazioni come quella di don Bonaiuto un supporto nel trovare “strutture dove accogliere le ragazze e i loro figli, per un immediato soccorso. Servono poi delle soluzioni che accompagnino queste ragazze per ricominciare, perché è essenziale il reinserimento nel lavoro“. Di qui il bando che lunedì verrà pubblicato e che mette a disposizione delle associazioni 22 milioni, bando che sarà accompagnato dal piano contro la violenza sulle donne.

Denunciò 12 volte il marito che poi la uccise

Boschi ha poi affrontato il problema culturale della prevenzione della violenza sulle donne: “Spesso le donne – ha raccontato – fanno fatica a denunciare la violenza subita in casa perché si domandano ‘poi come faccio visto che non ho lavoro? Come faccio con i figli?'”.

“Vada a lavorare”, niente assegno alla divorziata disoccupata con 2 figli

“Alle donne dico di non aspettare il primo schiaffo ma di allertarsi già quando il compagno gli dice che non deve uscire da sola o che non vuole che lavori fuori casa: sono tutti segnali che dimostrano la non accettazione della libertà della donna. La violenza non è un atto improvviso ma un percorso”.

Boschi si è tuttavia dichiarata fiduciosa: “E’ una battaglia alla nostra portata – ha concluso – che possiamo vincere perché non la portiamo avanti solo noi donne, ma perché noi donne siamo coalizzate con gli uomini in una battaglia di civiltà”. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -