Roma, proteste anti-immigrati: chieste pene fino a 7 anni e 6 mesi per 9 militanti Casapound

Condanne tra i sei anni e mezzo e i sette anni e mezzo sono state chieste dall’accusa nei confronti di nove militanti di Casapound imputati di resistenza aggravata dalle lesioni nel processo in corso a Roma per gli scontri avvenuti il 17 luglio 2015 a Casale San Nicola nell’ambito di una protesta contro l’apertura di un centro di accoglienza nel comprensorio che ospita solo 250 famiglie. Gli incidenti arrivarono al termine di tre mesi di presidio pacifico dei residenti, che, con l’aiuto dei militanti di Cpi, bloccarono l’accesso alla struttura con un sit permanente.

Casapound – scrive il Messaggero –  parla di «caso politico» e di «richieste esorbitanti» della procura e accusa:

«Dopo il successo elettorale e i 5mila partecipanti alla manifestazione contro lo ius soli a Roma, i poteri forti ci scatenano contro la magistratura più ideologizzata». Secondo il movimento, «il pm, oltre a negare perfino le attenuanti generiche e incurante delle numerose testimonianze contrarie dei residenti, ha prodotto una ricostruzione tutta tesa a dimostrare che Casapound non era lì per dare sostegno alla legittima protesta popolare, ma per portare a compimento un preordinato attacco alla polizia – sottolinea il movimento – Una ricostruzione assurda e smentita dalla nostra presenza senza soluzione di continuità al presidio di Casale San Nicola dal primo all’ultimo giorno senza defezioni».



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -