Genova: accoltella in strada la ex moglie, lei lo aveva già denunciato

Portello – donna accoltellata | ex marito arrestato per duplice tentato omicidio

È stato arrestato e indagato per tentato duplice omicidio il 50enne che venerdì scorso, 23 giugno, aveva aggredito con un coltello l’ex moglie e un uomo che aveva cercato di difenderla in piazza Portello.

L’uomo, italiano originario dello Sri Lanka, era pregiudicato per aggressioni e maltrattamenti in famiglia, nonché per violazioni della misura cautelare di avvicinamento ai figli minori.

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine intorno a mezzogiorno ha raggiunto l’ex moglie sul posto di lavoro per convincerla ad annullare la loro separazione e ritornare con lui, ottenendo il netto rifiuto della donna. Meditando vendetta l’ha aspettata fino a sera nel tunnel che porta all’ascensore Portello-Castelletto e, armato di un coltello da cucina, l’ha aggredita con una furia spaventosa provocandole profonde ferite agli arti e al torace.

Alcuni passanti sono intervenuti ed in particolare un uomo, un 53enne originario di Catania, si è lanciato sull’aggressore, evitando ulteriori fendenti alla donna ma riportando nella colluttazione profonde ferite. I poliziotti intervenuti hanno bloccato il 50enne mentre ancora cercava di liberarsi dalla presa del soccorritore e la donna giaceva in terra sconvolta. I due feriti sono stati trasportati d’urgenza presso il pronto soccorso dell’ospedale San Martino. Fin da subito i medici hanno capito che la situazione più critica era quella dell’uomo che è stato operato in prognosi riservata, mentre la donna è stata dimessa con una prognosi di 15 giorni.

L’aggressore è stato arrestato e portato al carcere di Marassi.

genovatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Genova: accoltella in strada la ex moglie, lei lo aveva già denunciato”

  1. Salvatore Guarracino

    Io conosco un sacco di calabresi nati a Milano e che sono calabresi fino alla punta dei capelli!
    Il problema sarà sempre IO MASCHIO TU FEMMINA! Quando si pubblicizza e si foraggia una setta che definisce ancora la donna (FEMMINA) non ci libereremo mai da questa mannaia medievale che incombe in tutto il mondo! Fino a quando una bambina di 8/10 anni che deve essere pronta a portare il burqa e a sposarsi è come un adulta di 50 di anni perciò pronta a morire per l’islam, non ci libereremo mai di questo virus che per il passato abbiamo cercato di isolare e che con i nuovi arrivi da tutto il mondo cosiddetto non evoluto, i nostri maschietti per dimostrare la loro egemonia hanno avuto l’opportunità di avvalersi di molti esempi negativi!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -