Torino: urla, insulti e secchiate d’acqua contro il corteo anti Rom

Momenti di tensione ieri, lunedì 19 giugno, in centro a Torino. Diversi cittadini hanno manifestato in un corteo – tra Palazzo di Città e la Prefettura – per chiedere alla sindaca Chiara Appendino e al Prefetto Renato Saccone la chiusura dei campi rom. Ma durante il tragitto, quando il gruppo di manifestanti ne ha incrociati altri che invece sono scesi in strada per difendere i nomadi, con tanto di striscione – “I rom torinesi come noi!” – sono iniziate le urla, insulti, qualche spintone e secchiate d’acqua dalle finestre. A calmare le acque, gli agenti della polizia in tenuta antisommossa.

A sfilare contro i rom anche i parenti di Oreste Giagnotto, il 58enne che il 12 maggio scorso, mentre era in moto, passando davanti al campo, fu investito e ucciso da una nomade alla guida di un camper che fece inversione a forte velocità e senza alcun preavviso.

Ed è proprio durante la manifestazione di ieri che la donna di 22 anni arrestata per omicidio stradale e omissione di soccorso – è riuscita a fuggire dalla sezione Icam, le case per mamme detenute con attenuata sorveglianza, del carcere di Torino dove ha peraltro abbandonato la figlia di pochi mesi.

torinotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -