Crisi economica, si uccide il figlio 47enne di Piero Guidi

Urbino – Giacomo Guidi lavorava nell’azienda di famiglia, in particolare nel campo della pubblicità. La ditta, ultimamente, stava vivendo un momento di difficoltà. Solo due mesi fa era partito il nuovo piano di risanamento debiti, con la chiusura dei negozi e una formula di contenimento spese.

Un colpo di pistola alla tempia destra. È morto così Giacomo Guidi, 47 anni, sposato, urbinate, figlio del fondatore del marchio di pelletteria Piero Guidi, creatore delle borse con il simbolo degli angeli abbracciati. Proprio ieri era uscita la notizia della richiesta dell’azienda di concordato in continuità per un bilancio che si era ridotto in un anno di un terzo per la crisi, per i falsi e le contraffazioni dei prodotti.

Ma apparentemente Giacomo non sembrava troppo preoccupato. Invece improvvisamente ieri sera ha preso la pistola di famiglia e si è sparato. In casa non c’era nessuno. Inutili i soccorsi del 118.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -