Terrorismo islamico a Londra, pedoni travolti e sgozzati: 6 morti e 50 feriti

Terrore a Londra. Tre uomini, uccisi poi dalla polizia, hanno provocato la morte di 6 persone in una serie di attacchi nel centro della città britannica. E’ quanto comunica Scotland Yard, citata dalla ‘Bbc’.

Gli assalitori hanno prima investito diverse persone con un furgone bianco sul London Bridge verso le 22 di sabato (ora locale, le 23 circa in Italia); poi, una volta abbandonato il veicolo, hanno pugnalato altri passanti a Borough Market, area conosciuta per i suoi ristoranti e i bar. I tre, riporta ancora la ‘Bbc’, sono stati uccisi dalla polizia dopo 8 minuti dall’inizio dell’attacco.

Secondo il London Ambulance Service, sono almeno 48 le persone ricoverate dopo l’attacco. “Abbiamo portato 48 pazienti in cinque ospedali in tutta Londra e abbiamo trattato molti altri in scena per lesioni minori”, ha affermato Peter Rhodes, assistente direttore delle operazioni.

IL SINDACO DI LONDRA – L’attacco è avvenuto pochi giorni prima delle elezioni legislative nel Regno Unito che si terranno il prossimo giovedi. Il primo ministro britannico, Theresa May, ha convocato il comitato Cobra, il massimo organo di sicurezza britannico. Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha parlato di un “attacco deliberato e codardo”. adnkronos

Emergono i primi racconti dell’orrore, dall’inferno di Londra. Per esempio la scena di una donna investita su London Bridge dalla furia contemporanea dei tre aggressori. Infierivano con i coltelli contro di lei, ha riferito un testimone oculare, Gerard Vowls, con gli occhi ancora sbarrati. «Gridava, chiedeva aiuto», rievoca Gerard, che dice di aver cercato di fare qualcosa, lanciando «sedie e bottiglie» prese in un bar contro i tre. «Ma loro a quel punto hanno cominciato ad avvicinarsi a me, per cercare di accoltellarmi, tiravano coltellate a tutti, gente malvagia, davvero malvagia»-



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -