Brescia: sesso con ragazzini in cambio di soldi, 11 indagati

La Procura di Brescia ha chiuso le indagini riguardanti l’ennesimo caso di prostituzione minorile. Sono in tutto undici gli indagati, tutti a piede libero, tra i quali risultano un dirigente scolastico delle superiori, che avrebbe avuto un approccio sessuale con uno studente, e un medico dell’ospedale Civile.

Come riporta Brescia Today stando a quanto ricostruito della indagini, coordinate dal pm Ambrogio Cassiani, i giovani avrebbero accettato rapporti sessuali in cambio di soldi, regali o anche di semplici ricariche telefoniche.

Gli incontri, nati in chat, sarebbero poi stati consumati quasi sempre in parcheggi: “Se lo fai senza preservativo pago di più”, è una delle tante richieste che si possono leggere nelle carte dell’inchiesta.

I casi più sensibili sono proprio quello del medico del Civile, nel cui computer sarebbero stati trovati filmati dal contenuto pedopornografico, e quello del dirigente scolastico.

Quest’ultimo, un uomo di 50 anni, avrebbe approfittato tra il 2013 e il 2014 della sua posizione di potere, arrivando a pagare la retta scolastica a un ragazzo in cambio di rapporti sessuali. Dopo aver cambiato scuola, il 50enne oggi dirige un istituto paritario in città.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -