Carcere Prato: cinese violentato in cella per un mese da un marocchino

PRATO – “Sono stato violentato 30 volte in un mese, la media di una volta al giorno”, è la denuncia di un uomo cinese di 36 anni in carcere a Prato. Il suo aguzzino sarebbe un marocchino di 44 anni che si difende spiegando che si è trattato di “rapporti consenzienti”.

Entrambi erano finiti dietro le sbarre, nel carcere della Dogaia a Prato, proprio per violenze sessuali: il primo per scontare una condanna definitiva, il secondo perché accusato dalla moglie di aver molestato la loro figlia, minorenne.

Come scrive corriereadriatico.it, le due versioni sono state contraddittorie e opposte. “I rapporti erano consenzienti. Io lo amavo, l’ho anche baciato”, sostiene il marocchino. La presunta vittima, invece, ha raccontato al giudice che accadeva contro la sua volontà e per paura, essendo fisicamente la metà del suo aggressore: “Provavo dolore durante i rapporti, piangevo per la paura…”. L’orientale ha trovato dopo il coraggio e ha confessato tutto ad un agente della penitenziaria facendo partire l’inchiesta. Le perizie mediche hanno confermato la violenza.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -