UE alla Libia: “Ripristinare il cessate il fuoco”

“I combattimenti a Tripoli hanno interrotto un cessate il fuoco in vigore da marzo. La rinnovata violenza mette in pericolo l’inizio promettente di un dialogo mirato a favorire la riconciliazione in Libia. Ci aspettiamo che le fazioni in lotta ripristino il cessate il fuoco”.

Così il portavoce del Servizio per l’azione esterna Ue, che aggiunge: “Non esiste una soluzione militare alla crisi politica in Libia”.

Il Consiglio presidenziale libico guidato da Fayez al Sarraj, imposto dall’Onu, ha condannato con fermezza gli scontri a Tripoli che hanno causato decine di vittime e ha chiesto alla popolazione della capitale di sostenere il suo governo e le milizie che lo appoggiano. In una nota pubblicata sulla sua pagina Facebook il Consiglio ha puntato il dito contro un “gruppo fuorilegge che ha scatenato le violenze” e “ha intimidito la popolazione”.

Fonti locali affermano che una milizia armata fedele ad Al Sarraj ha assaltato il carcere di Al Hadaba, a Tripoli, dove sono reclusi Saadi Gheddafi e l’ex capo dei servizi, Abdallah al Senoussi. Saadi Gheddafi sarebbe ora prigioniero di Al Sarraj.

Saadi Gaddafi

Saadi Gaddafi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -