Strage Manchester, arrestati padre e fratello del kamikaze

Il sito della tv emiratina Sky News Arabiya, citando proprie fonti e documenti dell’epoca di Muammar Gheddafi, descrive il padre del kamikaze di Manchester come un elemento filo-Al Qaida. “Secondo le informazioni ottenute da Sky News Arabiya”, il padre di Salman Abedi, Abu Ismail Abedi, è stato “un componente del Libyan Fighting Group”, organizzazione islamica armata per lungo tempo legata ad al Qaida.

Nel fornire altre presunte indicazioni su appartenenza politica e amicizie di Ramadan Abulqassem Abedi, l’emittente di Abu Dhabi sostiene inoltre che “queste informazioni combaciano con quelle di un documento, di cui una copia è stata ottenuta da Sky News Arabiya, che fa parte dei registri dell’organismo per la sicurezza dello Stato della Libia nei quali venivano registrate le persone ricercate sotto il regime del defunto leader Muammar Gheddafi. I servizi di sicurezza libici” lo avevano “classificato fra gli elementi dell’organizzazione di Al Qaida”.

Il padre di Salman Abedi, il kamikaze di Manchester, sarebbe stato arrestato a Tripoli, secondo quanto riporta Bloomberg che cita testimoni della scena. Bloomberg scrive che Ramadan Abedi è stato portato via a bordo di tre veicoli armati assieme ad un’altra persona non identificata. In un’intervista con l’agenzia Usa qualche ora prima, l’uomo aveva riferito di un suo recente incontro a Tripoli con il figlio, aggiungendo che le autorità britanniche non lo avevano ancora contattato.

E’ stato arrestato a Tripoli Hashem Abedi, fratello minore di Salman Abedi, l’attentatore di Manchester. Ne dà notizia il sito del Guardian, citando un portavoce della Rada, una milizia incaricata della sicurezza nella capitale libica. ANSA

La polizia di Manchester, intanto, sta cercando il costruttore della bomba che Salman Abedi ha usato nella strage all’arena. Ne dà notizia Sky News, secondo cui è da inserire in questa “caccia” il raid compiuto nel centro della città inglese, durante il quale gli agenti di polizia e le forze speciali, probabilmente appartenenti all’esercito, hanno perquisito un appartamento. Nel corso dell’azione è stata udita un’esplosione. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -