Pisa, l’Arci contro Povia: annullato il suo concerto al circolo

Un circolo Arci di Pisa invita Giuseppe Povia per un concerto, i vertici provinciali dell’organizzazione si ribellano provocando l’annullamenteo dello show e la polemica è servita.

(L’Arci, che esercita la censura su chi la pensa diversamente, sarebbe un’Associazione Ricreativa e Culturale  di promozione sociale che si riconosce negli ideali della Sinistra “antifascista”, ndr)

Teatro della querelle il circolo Pisanello della città della Torre pendente. Il cui presidente, Nico Palla, ha annunciato di essere pronto a dimettersi “se i soci del circolo non vorranno uscire dall’Arci”. Il motivo di quella che a un occhio disattento potrebbe sembrare solo una bega interna al circolo è legato alle posizioni di Povia, etichettato come omofobo, soprattutto dopo la canzone Luca era gay – che per la verità risale ormai al 2009.

“Abbiamo ricevuto una visita dei rappresentanti provinciali di Arci – continua Palla – che, dopo avermi espresso il loro parere contrario al concerto, mi hanno consegnato una lettera firmata dalla presidente provinciale Stefania Bozzi, nella quale mi venivano rammentati alcuni articoli dello statuto.”

Nel mirino ci sono gli articoli riferiti alla “non conformità per le attività all’interno del circolo che confliggano con le diversità di genere”. E giova ricordre che fra gli affiliati ad Arci c’è anche Arcigay, che potrebbe non aver visto di buon occhio l’arrivo di un artista così mal visto dagli ambienti Lgbt.

Il diktat anti-Povia, però, non piace per nulla a Palla, che ricorda come l’iniziativa, organizzata per risollevare i bilanci del circolo, rischi di concludersi con una perdita netta di quasi mille euro. IL GIORNALE

Povia si racconta a Imolaoggi: “la finanza in musica!”



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -