Ong e trafficanti: sulla scrivania di Zuccaro il rapporto militare di EunavforMed

È l’alba di una fredda mattina dei primi giorni del 2017. Un pattugliatore dell’«Operazione Sophia» capta una conversazione radio sul canale (libero) 16, utilizzato per le comunicazioni in mare. Poche frasi dalle quali si intuisce che un membro di un equipaggio di una nave di soccorso comunica a un interlocutore che si trova sulla terra ferma la posizione della nave e da terra l’interlocutore avvisa che le imbarcazioni stanno partendo.

Il pattugliatore ispeziona l’area dove si incontrano i migranti in mare e la nave che li deve salvare e documenta con delle foto l’incontro delle due imbarcazioni.

Ma c’è anche un altro rapporto militare finito a Bruxelles nel quale si sospetta che alcune navi Ong recuperino i motori dei gommoni degli scafisti per poi essere rivenduti e reimpiegati nella rete dei trafficanti.

«Operazione Sophia» nasce dopo il terribile naufragio della primavera del 2015, quando la Unione Europea decide di dare vita all’European Union Naval Force Mediterranean (Eunavfor Med), una operazione militare per neutralizzare le tratte consolidate delle rotte dei trafficanti.

E i militari impegnati nella ricognizione producono un rapporto che inspiegabilmente finisce al procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro. Che il 22 marzo scorso viene sentito dal Comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’Accordo di Schengen. Le sue affermazioni sono esplosive.

«A partire dal settembre-ottobre del 2016 – denuncia il procuratore -, abbiamo registrato un improvviso proliferare di unità navali di queste Ong che hanno fatto il lavoro che prima gli organizzatori svolgevano, cioè quello di accompagnare fino al nostro territorio i barconi dei migranti».

Audizione Zuccaro >>>

Accuse pesantissime. Nei fatti, sostiene la Procura di Catania, le navi Ong si sono trasformate in taxi del mare sostituendo i trafficanti dei migranti.

Dunque, sulla scrivania di Zuccaro finisce il rapporto di Eunavformed. Nelle sue interviste e dichiarazioni, il procuratore di Catania lascia intendere che questo materiale è inservibile si fini processuali.

In realtà non è ancora chiaro se abbia delegato la polizia giudiziaria a sviluppare le indagini.

Perché un rapporto di una struttura militare europea finisce a un procuratore di Catania? Chi deve essere l’interlocutore istituzionale italiano di Eunavformed?

Naturalmente si conosce il giorno della conversazione captata, ovvero il giorno del passaggio dei migranti dai barchini dei trafficanti alla nave delle Ong. Basta poco per risalire alla nave e all’equipaggio (che sembrerebbe essere ucraino). Questo non per chiudere le indagini ma soltanto per aprirle. E invece il procuratore di Catania decide di giocare a carte scoperte. Creando una tempesta politica.

Guido Ruotolo  per TISCALI.IT



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -