Ricostruito nel Novarese l’Arco Palmira

ARONA (NOVARA) – L’Arco di Palmira, simbolo del sito archeologico siriano distrutto dall’Isis, rivive per tre mesi ad Arona, in piazza San Graziano, davanti al museo archeologico intitolato a Kaled Al Asaad, l’archeologo-custode del sito assassinato dai terroristi islamici.
Alla presentazione dell’iniziativa c’erano i due figli del martire, Waled e Omar, intervenuti quando l’Institute for digital archeology di Oxford ha consegnato al museo aronese un dipinto che ritrae proprio Kaled Al Asaad.

L’Arco, realizzato dall’istituto oxfordiano, è identico a quello distrutto dall’Isis, solo più piccolo: già esposto a Londra, Dubai, New York e, in Italia, a Firenze. Allestito fino al 30 luglio, una serie di luci lo illumina tutte le sere fino a mezzanotte.
“La ricostruzione – spiega il sindaco di Arona, Alberto Gusmeroli – ha un valore storico ma anche simbolico. E’ la dimostrazione di come sia possibile ricostruire, grazie alle moderne tecnologie, qualcosa del passato che altrimenti andrebbe perso”. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -