Palermo poverissima, 107 mila disoccupati: “Dati drammatici, mai successo”

 

Sempre meno lavoro a Palermo. Gli occupati a Palermo si riducono e passano da 324 mila a 318 mila unità. Seimila occupati in meno in un anno.

Il sindaco di Palermo, Orlando (Pd) fra gli islamici

Nel 2007, dieci anni fa, gli occupati erano 365 mila. E si innalza sensibilmente il tasso di disoccupazione giovanile: dal 65 al 71,2 per cento. Sono alcuni dei dati che emergono dal raffronto, elaborato dal Cerdfos, il centro studi della Cgil, tra le ultime rilevazioni Istat del quarto trimestre 2016, con quelle, di un anno fa, del quarto trimestre del 2015.

“Sono confermate le nostre analisi e le denunce che facciamo da anni – dichiara il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo – C’è un problema di occupazione, di qualità e quantità del lavoro. Al di là delle medie, ci sono parti della nostra provincia dove il tessuto economico e sociale è ai minimi termini e lì i dati sono ancora più drammatici. La vera emergenza di Palermo è il lavoro, la sua quantità e la sua qualità”.

In città la perdita di posti di lavoro colpisce l’universo maschile. Dei 6 mila posti di lavoro persi, 5 mila in meno si trovano nell’industria: mille si sono persi nel manifatturiero e 4 mila nelle costruzioni. I rimanenti mille posti in meno riguardano i servizi. Per quanto riguarda il fronte femminile, infatti, il mercato del lavoro è rimasto completamente fermo. Restano 113 mila a Palermo le donne occupate, come un anno fa. Non c’è stato nessun incremento né decremento. Anche il tasso di disoccupazione femminile resta stabile: è pari al 26,3 per cento, in linea con il dato dell’anno precedente.

Il tasso di occupazione si abbassa dal 38 per cento al 37,4 per cento. E cresce quello dei disoccupati, che passano da 102 mila a 107 mila, con un tasso di disoccupazione che balza dal 23,9 per cento al 25,1 per cento. La disoccupazione giovanile si incrementa e passa dal 65 per cento al 71, 2 per cento. Mai si era verificata una caduta occupazione di questa portata. L’occupazione è strettamente legata all’andamento del Pil, cioè ai consumi e all’investimento. Se non si lavora su queste due variabili, consumi e investimento, non si creerà occupazione”.

Anche il dato sulla stazionarietà del mercato del lavoro delle donne, rimasto completamento fermo a Palermo, fa riflettere sulla disuguaglianza di occasioni e prospettive. “Considerando che la maggior parte delle famiglie è monoreddito, e che la perdita occupazionale ha interessato gli uomini – prosegue Campo – significa che ci sono parecchie migliaia di famiglie in condizione di povertà. Dai dati inoltre sembra emergere che Palermo, Trapani e Messina siano le province che hanno accusato maggiori difficoltà”.

palermotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -