La sfida delle donne afghane, sempre di più chiedono il divorzio

Quando il marito di Nadia, eroinomane, ha iniziato maltrattarla, lei si è ribellata e ha deciso di lasciarlo. Nonostante i suoi 22 anni ha fatto qualcosa di impensabile fino a qualche tempo fa per una donna in Afghanistan: ha chiesto il divorzio.”E’ un drogato e un alcolizzato – racconta – a volte mi ha privata di acqua e cibo, non mi ha mai comprato nuovi vestiti. Non posso più vivere con lui”.

La sua non è una storia così insolita, purtroppo. Fazila, madre di quattro bambini, si è rifugiata presso una Ong di Kabul per sfuggire al marito violento. Ha provato anche ad ucciderla. “La mia famiglia mi ha detto che dovevo vivere con lui e che il divorzio era qualcosa per cui vergognarsi. Mi hanno detto: se lo lasci non venire da noi, mi hanno respinta tutti, compreso mio fratello”.

In Afghanistan un uomo che vuole divorziare lo può fare facilmente, basta chiederlo. Ma per una donna non è così. Deve dimostrare in tribunale abusi e violenze. E la maggior parte di loro non ha il coraggio di arrivare in fondo. Secondo le Nazioni Unite le cose stanno cambiando e le cause intentate dalle donne sono in aumento, con un 12% in più dal 2014, anche se parliamo ancora di piccole cifre. Solo 80 in circa tre anni.Lo conferma Najaf Rajai, legale del programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo: “Giorno dopo giorno stiamo assistendo alla diminuzione delle tradizioni sessiste, le donne stanno finalmente imparando come far prevalere i loro diritti”. ASKANEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -