UE: Ungheria e Polonia rifiutano la relocation dei “rifugiati”

Ungheria e Polonia “continuano a rifiutarsi del tutto di partecipare al sistema dei ricollocamenti” dei richiedenti asilo giunti in Italia e Grecia, mentre Bulgaria, Croazia e Slovacchia lo stanno facendo “su basi molto limitate”; l’Austria, invece, che finora non aveva partecipato al sistema, “ha annunciato che comincerà presto a effettuare i ricollocamenti” per rispettare le propria quota.

Lo afferma la Commissione europea nel suo nuovo rapporto di attuazione dei ricollocamenti (“relocation”), pubblicato oggi a Bruxelles.

Finora, afferma la Commissione, solo Malta e Finlandia stanno rispettando la tabella di marcia delle “relocation”, per accogliere i richiedenti asilo della propria quota entro i tempi previsti, mentre Lussemburgo e Portogallo hanno fatto buoni progressi.La Commissione insiste, come aveva già fatto nell’ultimo rapporto il mese scorso, che “non esisterà a usare i propri poteri, che le sono conferiti dal Trattato Ue”, per costringere a mettersi in regola gli Stati membri che non rispettano l’obbligo di effettuare i ricollocamenti secondo le quote loro assegnate. L’Esecutivo comunitario sottolinea anche che quest’obbligo non termina a settembre, alla scadenza del periodo di due anni a cui si riferiscono le “relocation”. ASKANEWS

Ungheria, Orban: afflusso massiccio di profughi islamici, identità cristiana a rischio

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -