Bombe contro bus Borussia, spunta la pista del terrorismo islamico

La polizia sta verificando se dietro le esplosioni avvenute vicino l’autobus del Borussia Dortmund ci sia una pista islamica radicale. Secondo Sueddeutsche Zeitung, NDR e WDR, nella lettera di rivendicazione ritrovata vicino l’autobus si fa riferimento all’attentato contro un mercatino di Natale a Berlino e alle missioni dei Tornado tedeschi in Siria.

Il testo della lettera – “Nel nome di Allah misericordioso e compassionevole”, inizia la rivendicazione, secondo quanto scrive la Sueddeutsche Zeitung. Nel testo si fa riferimento all’attentato di Anis Amri a dicembre a Berlino e si sostiene che i Tornado tedeschi stiano partecipando all’uccisione dei musulmani nel Califfato dello Stato islamico, per cui a partire da subito gli sportivi e altre personalità di spicco “in Germania e nelle altre nazioni crociate” sono “sulla lista della morte dello Stato islamico“.

Ciò vale fino a quando i Tornado tedeschi non verranno ritirati e la base statunitense di Ramstein, in Germania, non verrà chiusa, prosegue il testo. Fonti vicini agli inquirenti citate dalla Sueddeutsche Zeitung definiscono l’episodio molto insolito e ritengono possibile anche l’ipotesi che i responsabili delle esplosioni abbiano voluto fornire una pista falsa.

Anche un poliziotto ferito in esplosioni – Anche un poliziotto è rimasto ferito dalle esplosioni avvenute vicino l’autobus del Borussia Dortmund, che stava portando la squadra nello stadio della città tedesca per il quarto di finale di Champions League contro il Monaco. L’agente, che stava scortando in moto l’autobus, ha subito un trauma acustico e uno shock e non è in grado in questo momento di prestare servizio, ha reso noto la polizia di Dortmund in un comunicato. Al momento della detonazione viaggiava davanti il bus.

Si cerca un’auto con targa estera – Le autorità, secondo diverse fonti, stanno cercando una vettura immatricolata all’estero. “La lettera si assume la responsabilità dei fatti”, ha spiegato il magistrato Sandra Lücke ma bisogna verificarne “l’autenticità”. Le ragioni del gesto risultano ancora sconosciute, secondo gli inquirenti che hanno aperto un’inchiesta per “tentato omicidio” senza usare la definizione di “attentato terroristico”, ancora non ci sono dati disponibili per raggiungere questa conclusione. Il quotidiano Bild ha definito gli ordigni come bombe artigianali costruite con tubi di gomma. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -