Bundesbank: l’Italia era troppo indebitata per entrare nell’euro

BERLINO, 05 APR – “Io ricordo ancora molto bene che molti mettevano in discussione l’ingresso di stati altamente indebitati come Italia e più tardi Grecia” nell’euro. Si diceva: per questi Paesi è ancora troppo presto”.

Prodi e Ciampi truccarono i conti per entrare nell’euro e la Germania lo sapeva

Lo afferma il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, in un’anticipazione di una intervista a Die Zeit. “Alcuni dei timori dell’epoca si sono rivelati non infondati”, aggiunge. Weidmann sottolinea che parte degli sforzi fatti prima dell’introduzione della moneta unica su consolidamento di bilancio e competitività non sono stati “duraturi”.

Il presidente della Bundesbank ricorda a proposito dell’Italia: “Ci furono dei progressi subito prima dell’introduzione dell’euro, l’Italia ha consolidato il bilancio statale e migliorato la competitività. Il fatto di voler essere dentro fin dall’inizio fornì degli stimoli ad impegnarsi in una politica economica solida, alcune cose però non sono durate nel tempo”. Parlando poi del Qe, Weidmann ha detto che si avvicina il momento di uscire dal programma. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -