Venezia: imprenditore denunciò i jihadisti ma fu condannato a risarcirli

Dalla testimonianza di Gabriele Dal Moro, titolare di un negozio di pasta fresca da asporto a Venezia, emerge un retroscena che vede Dake Haziraj e Fisnik Bekaj, componenti della cellula jihadista che voleva colpire Rialto, violenti sul posto di lavoro ma tutelati dalla giustizia italiana. il giornale

Risarciti nonostante la violenza sul lavoro

Ha tentato di uccidere la mia fidanzata con un cacciavite perché pensava che lei lo stesse riprendendo col cellulare, l’ho licenziato e denunciato ma poi è riuscito a farmi del male”: è quanto racconta un artigiano veneto a Il Gazzettino. Un uomo che ha dato lavoro ai due terroristi e che si è visto punito da un giudice, dopo le false testimonianze dei due.

Dal Moro spiega come il suo rapporto di lavoro con Haziraj sia finito nel 2014, in seguito a un episodio di violenza da parte del kosovaro ai danni della sua ragazza. “Nella primavera del 2014 si è avventato con un cacciavite sulla mia fidanzata che lavora nel negozio, urlandole che non lo doveva riprendere, ma lei stava solo giocherellando con il telefonino. Ho temuto che volesse ucciderla e fortunatamente mi sono intromesso. L’ho licenziato e ho denunciato la sua violenza crescente, e la società ha poi dato ragione a loro, due probabili terroristi”.

E sì, la società che ora li condanna indignata, solo due anni fa ha dato ragione ai due estremisti. Infatti, dopo aver cacciato i due, Dal Moro riceve una denuncia: “Hanno denunciato il falso, che lavoravano molte ore in nero, che venivano in negozio di notte (quando l’attività è chiusa). Abbiamo prodotto una memoria difensiva ma non è servita a nulla”. Il commerciante è stato condannato e costretto a risarcire all’Inps una sanzione ingente: svariate decine di migliaia di euro.

“Diventavano sempre più estremisti”

Il commerciate racconta anche il passato di Haziraj. L’uomo era arrivato a Venezia nel 2012, due anni prima della violenza sul lavoro. “Nel 2013 ho assunto anche Fisnik Bekaj, i due si sono conosciuti lì e sono diventati inseparabili”. Secondo Dal Moro, Bekaj sarebbe stato plagiato del collega Haziraj, quello più violento. I due “diventavano sempre più estremisti, io stesso, durante una lite, sono stato chiamato da Haziraj ‘cristiano di m…'”. L’ex titolare del negozio di pasta fresca ricorda come nei momenti liberi Dake Haziraj e Fisnik Bekaj guardassero oto di fucili kalashnikov sui cellulari.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -