Venezia: i jihadisti arrestati “pregavano” nella moschea di Mestre

VENEZIA, 31 MAR – Il kosovaro Fisnik Bekaj, 25 anni, uno dei componenti della cellula jihadista arrestati ieri a Venezia, lo vedevano spesso a pregare nella moschea di Mestre, in via Fogazzaro. E oggi il centro culturale islamico, a maggioranza bengalese, vive ore convulse, per il rischio di chiusura. Nulla a che vedere, al momento, con l’inchiesta della Procura veneziana, ma con i permessi all’utilizzo di questo ex negozio come luogo di culto. Per sanare alcuni abusi il Comune aveva dato ai responsabili tre mesi di tempo, in scadenza oggi.

Il controllo della polizia municipale nel centro culturale è coinciso però con l’emotività del giorno dopo il blitz anti-terrorista. Così in strada è tornato il comitato locale dei residenti per chiedere di chiudere la moschea. Oltre a Fisnik, pare che anche gli altri due arrestati frequentassero il centro mestrino. “Noi non possiamo chiedere i documenti a chi viene qui a pregare” ha detto il portavoce, Syed Kamrul, confermando di aver visto alla moschea uno dei tre arrestati. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -