Invalida italiana finisce in strada, la Caritas non la aiuta

Nessun tetto sopra la testa per ripararsi ed una richiesta d’aiuto urgente e disperata.
E’ l’appello di Roberta Camino, 53anni. Attualmente ospite di “Emergenza Freddo”, nei prossimi giorni si troverà senza un luogo dove vivere, se non arriverà repentinamente una soluzione alla sua problematica.
Il progetto Emergenza Freddo – scrive laprovinciadibiella.it – è nato sul territorio biellese per provvedere all’ospitalità notturna nel periodo invernale delle persone senza fissa dimora e terminerà il servizio oggi, 31 marzo. Per la donna, non resta alcuna alternativa se non la strada.

«Da sabato mattina rischio di trovarmi a passare le giornate e le nottate su una panchina – afferma Roberta Camino -.
Inizialmente la Caritas voleva darmi una mano, anticipando i tre mesi di caparra che servono quando si prende in affitto una stanza, ma il progetto è poi saltato perché temono che con il mio lavoretto io non sia in grado di far fronte alle spese». (garanzie che non vengono chieste quando si devono ospitare GRATIS i robusti presunti profughi, sani, del peso di 90 chili, ndr)

La situazione, già di per sé complessa, è ulteriormente aggravata dai problemi di salute.
La signora, alla quale era già stata riconosciuta un’invalidità del 67 per cento, lo scorso 24 febbraio ha avuto il secondo infarto.  […]



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -