Ue, Prodi: “Passo avanti sull’unica rotta possibile”

“Dagli incontri celebrativi non si possono aspettare grandi decisioni. Roma splendente di sole e di bellezza ha però aiutato a creare un clima di cooperazione che non si era notato nelle ultime riunioni di Bruxelles. Non ci si poteva attendere alcuna decisione immediatamente operativa ma sia il comunicato finale che gli interventi dei massimi leader hanno messo in rilievo una forte volontà di lavorare insieme, come se la memoria dei padri fondatori (rinnovata nelle aule del Campidoglio dai commoventi filmati di allora) fosse di monito ai governanti che si accingevano a firmare la dichiarazione comune”.

padre fondatore UE

E’ quanto scrive Romano Prodi, in un intervento pubblicato sul Messaggero, dal titolo “Passo avanti sull’unica rotta possibile“. “Un comunicato non generico, come dimostrano le infinite discussioni che hanno accompagnato la sua relazione, ma una pagina nella quale sono scritte alcune chiare linee di azione per una ripresa della futura politica europea. Due sono gli impegni di maggiore rilevanza: costruire un’Europa più socialmente responsabile e un’Europa più forte dal punto di vista della sicurezza e della difesa. Ancora più rilevante risulta l’affermazione che, in mancanza dell’unanimità, questi obiettivi possono essere perseguiti ‘con ritmi ed intensità diverse‘, purché si cammini nella stessa direzione e vengano lasciate le porte aperte ai Paesi che intendano successivamente partecipare alla cooperazione rafforzata”, aggiunge l’ex presidente della Commissione Ue.

“Si chiarisce quindi in modo definitivo che, nella volontà dei massimi responsabili europei, le cooperazioni rafforzate non sono e non saranno uno strumento per creare club esclusivi ma collaborazioni aperte. Un modo per andare avanti anche senza quell’unanimità che oggi, in troppi casi, è difficile da raggiungere”, prosegue Prodi.

“Non abbiamo bisogno di ricordare che le celebrazioni sono per definizione piene di buoni propositi, ma devo riconoscere che l’incontro di Roma ha dimostrato una volontà di metterli in atto superiore alle previsioni dei giorni scorsi. Finirò queste mie osservazioni sulle conclusioni firmate in Campidoglio ripetendo il noto proverbio che ‘se sono rose fioriranno; anche se, probabilmente, non fioriranno contemporaneamente nei giardini di tutti i Paesi europei”, conclude Prodi. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -