Siria, Isis lancia allarme crollo diga di Tabqa e ordina lʼevacuazione di Raqqa

E’ imminente il crollo della diga di Tabqa, in Siria. Ad annunciarlo è l’Isis in un comunicato dell’agenzia Amaq pubblicato online, ordinando contemporaneamente anche l’evacuazione di Raqqa. I vertici dello Stato islamico accusano la coalizione internazionale dicendo che se la struttura, come prevedono, cederà, questo sarà l’effetto dei ripetuti bombardamenti. Il crollo, dicono, avrà effetti catastrofici.

A lanciare l’allarme diga è stato anche il gruppo di attivisti “Raqqa viene massacrata in silenzio”. E’ lo stesso gruppo a far sapere che l’Isis sta avvertendo i residenti della situazione, ordinando quindi l’evacuazione della città, che si trova a est della diga sull’Eufrate. Il livello dell’acqua del bacino sta salendo.

Una diga strategica – La grande diga sull’Eufrate è sotto il controllo della Jihad dal 2013. Fu costruita nel 1970 con l’aiuto della Russia e trattiene il più grande bacino artificiale del Paese, il lago Assad.

Proprio nei pressi della diga i capi dell’Isis hanno raccolto le loro milizie: ritenevano infatti che quello fosse il luogo più sicuro dell’area, dal momento che la distruzione di quella diga avrebbe come conseguenza una vera catastrofe per l’Iraq e e per la Siria, inondando un vastissimo territorio e lasciando senza luce gran parte della Siria. tgcom24

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -