Migranti, secondo Unhcr (Onu) servono altri soldi: canali legali e sponsorizzazioni private

“L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) è profondamente allarmato dalla notizia di almeno due naufragi al largo delle coste libiche”. E’ quanto ha dichiarato Vincent Cochetel, direttore dell’ufficio europeo dell’agenzia Onu, commentando la notizia diffusa dalle solite Ong (accusate da Frontex di essere colluse con i trafficanti) circa il recupero di cinque salme di uomini a 14 miglia dalle coste libiche, vicino a due gommoni vuoti e parzialmente affondati.

“Questi episodi seguono una settimana di arrivi intensi sulla rotta del Mediterraneo centrale: all’incirca 6.000 migranti e rifugiati sono stati salvati in solamente cinque giorni” si aggiunge in una nota, ricordando che, “dall’inizio del 2017 a oggi, 21.903 persone hanno attraversato il mar Mediterraneo dalla Libia diretti in Italia”.

“Nello stesso periodo del 2016, 18.777 persone avevano intrapreso lo stesso pericolosissimo viaggio. Finora – si legge ancora – se si escludono queste ultime tragedie, sono 587 le persone morte nell’impresa di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa. Il 2016 era stato l’anno con il maggior numero di morti di sempre, 5.096. Per sconfiggere il business dei trafficanti di esseri umani – conclude la dichiarazione – servono vie legali credibili per le persone che hanno bisogno di protezione internazionale, fra cui il programma di reinsediamento, la riunificazione familiare e sponsorizzazioni private“.

(con fonte adnkronos)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -