Tribunale Modena: rimuovere il crocifisso è un atto di coscienza per la laicità

Il crocifisso viene rimosso dalle aule scolastiche. Ancora una volta. Ma stavolta non si tratta delle aule in quanto luogo di lezione, ma in quanto utilizzate come seggi elettorale. E secondo la magistratura è lecito farlo.

A sostenerlo è una sentenza emessa da un giudice di Modena, secondo cui il simbolo sacro vìola il principio della laicità dello Stato, rischiando di pregiudicare la libertà di scelta degli elettori, soprattutto se in uno dei simboli sulla scheda compare una croce. Secondo il magistrato emiliano, inoltre, è un diritto di coscienza di tutti i pubblici ufficiali presenti al seggio – come ad esempio gli scrutatori – chiedere al presidente di rimuovere il crocifisso dai muri delle aule durante le operazioni di voto.

Il pronunciamento del tribunale modenese, si legge nella stampa locale, arriva a conclusione di una vicenda giudiziaria iniziata nell’ormai lontano 2008, quando un esponente locale della Lega Nord denunciò ai carabinieri l’iniziativa di una scrutatrice atea, si disse, che avrebbe chiesto ed ottenuto dal presidente del seggio la rimozione del simbolo sacro. Secondo gli accertamenti poi eseguiti dal tribunale, però, il crocifisso non sarebbe mai stato rimosso: la scrutatrice e il presidente, pertanto, si erano lamentati dicendosi offesi per le accuse del leghista, presentando richiesta di risarcimento.

Di qui la risposta del giudice da cui origina l’interessante pronunciamento di giurisprudenza: anche se il simbolo sacro fosse stato effettivamente tolto, sostiene il tribunale, quel gesto non si sarebbe potuto qualificare come offensivo per la collettività. IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -