Privatizzazioni: venduti ‘gioielli di famiglia’ per 168,5 miliardi, ma il debito aumenta

I gioielli della ‘famiglia’ italiana hanno fatto incassare, in 25 anni, 168,5 miliardi di euro. La quota maggiore arriva dalle operazioni effettuate dal ministero dell’Economia, che dal primo gennaio 2004 al 30 settembre 2016 ha realizzato 60 operazioni per un totale di 110,1 miliardi di euro. Poi ci sono le privatizzazioni realizzate dall’Iri-Fintecna, che vanno dal luglio 1992 al novembre 2012, che ammontano a 58,4 miliardi

Bankitalia: nel 2016 il debito pubblico è aumentato di 45 miliardi

I dati sono contenuti nella relazione del Mef al Parlamento, sulle operazioni di cessione delle partecipazioni in società controllate dallo Stato, ed elaborati dall’Adnkronos. L’anno d’oro delle privatizzazioni è stato il 1997, quando vennero cedute quote di società per un totale di 19,2 miliardi di euro, con la cessione del 29,18% della Telecom (11,5 mld) e del 18,2% dell’Eni (6,6 mld) tra le maggiori ‘donatrici’. Due anni dopo, nel 1999, lo Stato venderà un’alta quota consistente delle sue ‘proprietà’, per un totale di 18,3 miliardi, incassati per la maggior parte grazie alla cessione del 32,4% del capitale Enel (16,2 mld). La quota restante è stata incassata, per la maggior parte, con la cessione del 100% di Mediocredito centrale.

Privatizzazioni: così ci siamo fatti rubare tutto!

Ecco a cosa servono veramente le privatizzazioni

Altro anno importante per le dismissioni è stato il 2003, quando sono stati racimolati 16,6 miliardi di euro, sommando diverse operazioni di dismissione tra cui le più rilevanti sono: Eni (la cessione del 10% ha fatto incassare 5,3 mld), Enel (cessione del 16,9% pari a 5,3 mld), Poste italiane (35% della quota ceduta e 2,5 mld incassati), Ente tabacchi (100% venduto per 2,3 mld), Cdp (30% della quota di capitale ceduta per 1 mld). Al confronto le operazioni degli ultimi anni, come gli 8,8 miliardi del 2012, non possono competere. Il 100% della Sace ha fatto incassare 6 miliardi di euro, mentre il 100% di Fintecna ha portato nelle casse dello Stato 2,5 miliardi. (AdnKronos)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -