Guerra tra multinazionali, Google porta in tribunale Uber “Violati brevetti”

Secondo Google, Levandowski avrebbe scaricato oltre 14 mila file riservati prima di dimettersi

uber

Secondo quanto denuncia il colosso di Mountain View, Anthony Lewandowsy, ex manager della controllata Waymo, avrebbe copiato circa 14mila file prima di lasciare l’azienda, portando con sé anche i progetti della tecnologia che poi è stata utilizzata anche da Otto, la società fondata dallo stesso manager una volta lasciata Alphabet e acquistata nei mesi scorsi da Uber.

Il servizio che collega passeggeri e autisti ha investito ad agosto dello scorso anno 680 milioni di dollari in Otto, lanciato nel maggio scorso con il sigillo di qualità di Anthony Levandowski, uno dei suoi co-fondatori, che era stato in precedenza nel programma di Google per la guida automatica. Inoltre, secondo l’accusa, anche altri manager, che sarebbero nel tempo passati alla società di software automatici, avrebbero copiato file di proprietà di Waymo e li avrebbero utilizzati per mettere a punto tecnologie di guida autonoma. ​

“Mentre Waymo ha sviluppato i propri sistemi LiDAR per molti anni, gli imputati tratto profitto da informazioni rubate per abbreviare il processo e presumibilmente costruire un sistema analogo al LiDAR in soli nove mesi”, si legge nel testo della querela presentato presso un tribunale di San Francisco. Secondo Google, Levandowski avrebbe scaricato oltre 14 mila file riservati prima di dimettersi. (TGcom24)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -