Ungheria: sindaco bandisce burqa e moschee, interviene il Prefetto

BUDAPEST, 17 FEB – Il sindaco di un piccolo comune ungherese al confine con la Serbia, Asotthalom, con un’ordinanza ha bandito il velo islamico, la costruzione di moschee e le esternazioni in pubblico  tra coppie omosessuali.

Laszlo Toroczkai, il primo cittadino del centro di 1.800 anime, fa parte della direzione nazionale del partito nazionalista Jobbik. “Qui siamo tutti bianchi, europei, cristiani, vogliamo mantenere questa tradizione”, ha detto alla Bbc britannica. Nel comune vivono due persone musulmane, integrate da tempo nella società locale.

Per ordinanza del sindaco, nella cittadina di Asotthalom è vietato indossare abiti strettamente musulmani, è vietato a qualsiasi muezzin lanciare appelli alla preghiera, è vietato anche costruire moschee. L’ordinanza, piu’ che altro, è preventiva difatti il sindaco ha spiegato alla Bbc: “Vediamo che esistono in Europa occidentale vaste comunità di musulmani che si sono mostrate incapaci di integrarsi, e non vorremmo vivere la stessa esperienza qui

Il prefetto (rappresentante del governo) ha presentato una denuncia alla Corte suprema per l’abrogazione dell’ordinanza locale. “Il sindaco non ha competenza di cambiare la legge nazionale sulla convivenza e sulla libertà di fede”, ha fatto presente nel suo ricorso. Sul caso potrà pronunciarsi anche la Corte costituzionale, per l’eventuale abrogazione dell’ordinanza.



   

 

 

2 Commenti per “Ungheria: sindaco bandisce burqa e moschee, interviene il Prefetto”

  1. bravo sindaco, cosi s’ha da fare!

  2. QUESTO MI PIACE . SE SI CANDIDA IN TALIA : AVRà IL MIO VOTO

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -