Francia, il Parlamento approva il reato di “intralcio all’aborto sul web”

Il Parlamento francese, con un ultimo voto dell’Assemblea Nazionale, ha approvato definitivamente la proposta di legge presentata da una parte dei deputati di maggioranza socialista, che intende penalizzare i siti, definiti di “disinformazione”, sull’aborto.

di Angela Rossi   – –  interris.it

La legge

Il testo prevede l’estensione del reato di “tentativo di intralcio all’interruzione volontaria della gravidanza” anche ai siti internet che danno in realtà notizie sulle conseguenze dell’aborto. Il reato di intralcio all’interruzione volontaria di gravidanza è stato creato nel 1993 ed è sanzionato con una pena che può arrivare fino a 2 anni di prigione e 30.000 euro di multa.

Le polemiche delle associazioni cattoliche

La decisione del Parlamento ha provocato forti polemiche da una parte della destra e da numerose associazioni cattoliche. Già in passato, il disegno di legge aveva sollevato le rimostranze della Conferenza episcopale francese, la quale non aveva mancato di sottolineare il fondamentale apporto di questi siti nell’offrire all’aborto un’alternativa di vita. In particolare, era stato l’arcivescovo di Marsiglia, mons. Georges Pontier, a farsi portavoce dei cattolici di Francia, attraverso una lettera inviata direttamente al presidente François Hollande, nella quale aveva rimarcato il valore di tutte quelle associazioni che, anche online, tentano di sopperire alla mancanza di adeguati luoghi pubblici di ascolto.

I siti pro-life considerati come un ostacolo alla libertà di scelta

In pratica la legge considera un ostacolo alla libera scelta individuale anche tutti i portali web pro-life, che da oggi in poi potrebbero macchiarsi del cosiddetto “delit d’entrave” previsto dalla legislatura di Francia da oltre 20 anni (1993), il quale prevede, in caso di infrazione, sanzioni fino a 30 mila euro e pene detentive da 1 a 2 anni. Un freno, secondo i promotori del provvedimento, da rimuovere in nome della libertà decisionale. Ciò che non è stato considerato, però, è l’importante ruolo che questi portali rivestono nell’ambito dell’ascolto e del dialogo poiché, in molti casi, le donne poste di fronte a scelte così gravi, vi cercano aiuto e consigli.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -