Inps, assegno di accompagnamento solo a chi ha redditi bassi

Niente accompagnamento per chi non ha redditi bassi e pagamento di un contributo aggiuntivo per la non autosufficienza, obbligatorio per tutti: sono queste le proposte del presidente dell’Inps, Tito Boeri, manifestate nel corso di un recente convegno alla Camera.

Come scrive laleggepertutti.it, le proposte nascono dall’esigenza di rendere sostenibile l’assegno di accompagnamento, attualmente pari a 515,43 euro mensili, erogandolo solo ai cittadini che si trovano in precarie condizioni economiche. Inoltre, il contributo di solidarietà per la non autosufficienza, che attualmente è pari allo 0,35% ed è previsto per i soli dipendenti pubblici, dovrebbe essere esteso a tutti i lavoratori ed i pensionati.

Certamente, si tratta soltanto di proposte, che non è detto si concretizzino in legge, peraltro provenienti da un soggetto che non ha potere legislativo: tuttavia, dato che le casse pubbliche sono sempre più in rosso, è molto probabile che l’idea di Boeri trovi ampio accoglimento.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -