La Serracchiani spreca 30mila euro per far giocare a calcio 82 immigrati

Il business dell’immigrazione non si ferma soltanto all’accoglienza. Va oltre. Ogni anno, in Italia, vengono spesi centinaia di migliaia di euro a favore dell’integrazione.

serracchiani

Molte regioni, infatti, grazie ai soldi pubblici, finanziano diversi corsi esclusivi per gli immigrati: da quello per imparare a sciare a quello musicale per il pre-parto.

A guadagnare sugli immigrati decine di associazioni culturali e sportive. Sono loro ad incassare le grasse somme messe a disposizione dagli enti. Come nel Friuli Venezia Giulia. Nella regione rossa guidata da Debora Serracchiani, il budget destinato all’integrazione è di 165 mila euro. Quattro i progetti sponsorizzati dalla dem.

30 mila euro sono destinati all’Associazione sportiva Lega Calcio Friuli Collinare di Udine, per la realizzazione del progetto Calcioxenia, finalizzato all’inserimento sociale dei giovani richiedenti asilo. “Lo scopo è quello di fargli conoscere il calcio. Un progetto come questo rappresenta un investimento soprattutto in termini di conoscenza”, ha dichiarato fiera Debora Serracchiani nel corso della conferenza stampa di presentazione. Ad aderire al progetto 82 giovani provenienti da diversi Paesi dell’Africa.

70 mila euro, invece, sono stati assegnati all’Unione artigiani piccole e medie imprese – Confartigianato di Udine, per la realizzazione di alcuni corsi sui mestieri artigiani. Dei corsi a domicilio. Gli artigiani, infatti, si recheranno direttamente all’interno delle grandi caserme dove vivono gli immigrati per tramandargli i vecchi mestieri. 35 mila euro sono stati affidati all’Associazione culturale Mamarogi per la realizzazione di un progetto teatrale. Il fine? Quello di “elevare la qualità del dibattito pubblico sui temi dell’accoglienza e dell’immigrazione”. Si legge nel piano di assestamento di bilancio del Friuli Venezia Giulia.

Infine 30 mila euro sono stati assegnati all’Associazione Centro culturale Il Villaggio di Udine, per la realizzazione del progetto Tu sei un bene per me, “finalizzato a favorire l’incontro, l’accoglienza, la possibilità di cammino comune fra esperienze diverse attraverso testimonianze, dialoghi, espressione drammatica e musica“.

“Ci sono friulani in difficolta, con figli anche piccoli, che non arrivano a fine mese”. Denuncia Riccardo Prisciano di Fratelli d’Italia. “Perché la Serracchiani e il Pd non pensano prima ai propri connazionali? Forse sperano di crescere, a pancia piena e a spese nostre, un nuovo elettorato – gli immigrati – che li ringrazierà col voto per queste malefatte anti italiane? Siamo stufi di questo modo indegno della Serracchiani di amministrare i fondi regionali”, dichiara Prisciano al Giornale.it. Tutto questo mentre la disoccupazione aumenta e i giovani italiani non sanno più come andare avanti. IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -