USA, inchiesta Wall street Journal: “Moltissimi voti per i democratici sono falsi”

CLINTON-DEMOCRATICI

Pochi giorni dopo l’insediamento alla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato una indagine sulle presunte frodi elettorali in occasione delle elezioni presidenziali dello scorso novembre: stando al presidente, il voto di milioni di immigrati irregolari e il ricorso ai nominativi di migliaia di elettori deceduti avrebbero viziato i dati relativi al voto popolare, che ha premiato la sua avversaria democratica Hillary Clinton. Il Partito democratico e gran parte dei media statunitensi schierati da quell parte politica hanno prontamente accusato Trump di minare a fini politici la legittimita’ della democrazia rappresentativa statunitense.

E invece Donald Trump ha ragione.

Infatti, scrive Larry Levy, della Republican National Lawyers Association, in un editoriale in primo piano sul Wall Street Journal di oggi, “quello delle frodi elettorali e’ un problema assolutamente reale, su cui i Democratici si battono da anni affinche’ non venga fatta luce”. Ovvero, hanno una paura matta che questo colossale scandalo dei voti falsi a loro favore esploda e li travolga.

Levy riferisce – nel suo documentato editoriale inchiesta in prima pagina sul Wall Street Journal – che nel 2013 il Dipartimento per le investigazioni di New York prese l’inusuale iniziativa di mettere alla prova il sistema elettorale: 63 ispettori si finsero altrettanti individui privi del diritto di voto – perche’ deceduti, trasferitisi in altre giurisdizioni o condannati per determinate tipologie di reato – ma ancora iscritti alle liste elettorali cittadine. Gli investigatori, scrive Lev, fecero tutto il possibile per rendere palese ai commissari di voto il loro tentativo di frode. In cinque casi, investigatori di eta’ compresa tra i 20 e i 30 anni si finsero elettori di eta’ compresa tra gli 82 e i 94. In altri, si finsero elettori di etnie differenti dalle loro. Quasi tutti riuscirono senza problemi a esprimere un voto. Talvolta, gli investigatori informarono apertamente i responsabili di seggio che risiedevano in altre zone del paese, ma non avevano tempo di raggiungerle il giorno delle elezioni: in tutti i casi fu comunque consentito loro di votare.

Solo un ispettore su 63 venne bloccato: per puro caso, l’impiegata di seggio in cui si era imbattuto era la madre dell’elettore che aveva tentato di impersonare. In totale, il 79 per cento degli ispettori espresse illegalmente un voto, e nessuno dei pochi cui fu impedito vennero segnalati alle autorita’, pur avendo tentato di commettere un reato di natura penale. Secondo Levy, l’iniziativa del Dipartimento per le investigazioni di New York, piu’ unica che rara nel suo genere, dimostro’ con chiarezza quanto sia facile frodare il sistema elettorale statunitense, e soprattutto come questo genere di reati venga tollerato con la massima compiacenza da parte delle autorita’ elettorali: le stesse secondo cui le accuse di Trump sono del tutto infondate. All’indagine effettuata a New York nel 2013, la Board of Elections rispose con assoluto disinteresse; peggio: alla questione, scrive l’autore dell’editoriale, non venne concesso alcun rilievo mediatico.

Proprio alla vigila delle elezioni presidenziali, lo scorso anno, un funzionario elettorale democratico di New York venne costretto alle dimissioni dopo aver rivelato, senza sapere di essere registrato, “la verita’ in merito al processo elettorale”: “In certi quartieri in particolare raccolgono le persone negli autobus per farle votare. Li mettono in un autobus e li portano da seggio a seggio“, affermo’ il funzionario. Alle sue dichiarazioni non e’ seguito alcun tentativo di accertamento da parte delle autorita’. Persino le forze dell’ordine rifiutano di fronteggiare il fenomeno: l’autore dell’editoriale inchiesta cita articolo di cronaca secondo cui di fronte a diverse denunce di voto multiplo presentate alle ultime elezioni presidenziali, i dipartimenti di polizia hanno replicato che non si occupano dei presunti casi di frode elettorale. Il sistema elettorale statunitense, conclude Levy, e’ privo di contromisure efficaci contro le frodi, e un’indagine sarebbe pertanto tutt’altro che inopportuna.

Esatto.

Redazione Milano — il NAZIONALISTA



   

 

 

1 Commento per “USA, inchiesta Wall street Journal: “Moltissimi voti per i democratici sono falsi””

  1. Era da dire!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -