Kane (Cgil): “No a equazione tra immigrazione e problemi di sicurezza”

CGIL-kane_sally

“Trump ha cominciato la sua presidenza col chiudere le frontiere agli islamici, ma anche in Europa c’era già chi aveva cominciato a erigere muri. Perché oramai sia in Ue che in America il tema immigrazione sta diventando esclusivamente un tema di sicurezza. Come Cgil, invece, respingiamo con fermezza questa equazione”. Lo dice a Labitalia Selly Kane, coordinatrice nazionale per le politiche dell’immigrazione della Cgil.

“Se guardiamo al terrorismo -prosegue Kane- intanto si vede che gli attacchi terroristici non hanno riguardato e non riguardano esclusivamente l’Europa, ma anche paesi arabi o extraeuropei. E per fermare il terrorismo occorre che tutti i paesi si mettano insieme, non serve fermare l’immigrazione che è un fenomeno che ha radici profonde”.

criminalira-immigrazione

Kane ricorda che la gente ormai fugge dall’Africa o dal Medio Oriente “non più solo per le guerre, ma anche per la povertà e la fame”. “Queste di questi ultimi anni sono tutte emigrazioni forzate e non ha più senso la distinzione tra rifugiato e migrante economico: ci vogliono invece soluzioni per aiutare lo sviluppo nei Paesi poveri e, nel frattempo, creare vie legali d’accesso in occidente, per contrastare le organizzazioni criminali”, conclude. ADNKRONOS

NOTARE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE IN ITALIA

disoccupazione-eurozona



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -