Pure il figlio di Trump nelle grinfie dei professionisti dell’odio

“Lasciate in pace Barron”, l’ipocrita Chelsea Clinton – figlia di degna madre – finge di difendere il figlio di Donald Trump che, dopo l’insediamento del padre alla Casa Bianca è finito (di nuovo) nelle grinfie dei democratici, professionisti dell’odio sel web.

Barron-Trump

La figlia di Hillary e Bill Clinton non ha resistito infatti alla tentazione di attaccare il presidente eletto. Tutto in solo, e discusso, twitt.

Chelsea, che è stata forse la “first daughter” più famosa degli ultimi vent’anni, sa bene cosa vuol dire vivere sotto la pressione dei media e della politica. E ha rivolto ai critici di Barron, che imputavano a un bimbo di dieci anni la “mancanza di coinvolgimento” durante l’inaugurazione del mandato presidenziale paterno, un appello: “Barron Trump merita, come tutti i bambini, la possibilità di vivere come un ragazzino normale”. E poi aggiunge l’attacco politico, nemmeno troppo velato: “Battersi per i diritti di tutti i bambini vuol dire anche opporsi alle politiche del presidente che colpiscono i diritti dell’infanzia”. Accusa ovviamente falsa.

È riuscita nell’impresa, così, di far arrabbiare tutti. Dai sostenitori di Trump che l’hanno bollata come ipocrita perché con la scusa di difendere Barron lancia attacchi politici fino a quelli che le hanno chiesto, in risposta al suo impegno, di chiedere conferme della bontà delle politiche adottate negli anni al vertice delle istituzioni americane dai suoi genitori “ai bambini di Haiti, quelli che sono sopravvissuti”.

Su Barron Trump è (ancora) in corso un dibattito che è a dir poco stucchevole, già sfociato in una lunga serie di attacchi di cattivissimo gusto. Che hanno raggiunto l’apice quando le personalità più brillanti dello star-system (come l’attrice e attivista Lgbt Rosie O’Donnell), schieratosi in assetto da battaglia per la Clinton, hanno adombrato sospetti sul presunto autismo del bambino. (con fonte il giornale)

Sono gli stessi democratici senza dignità che usano i loro figli per la propaganda anti-Trump

marcia-donne01

 



   

 

 

2 Commenti per “Pure il figlio di Trump nelle grinfie dei professionisti dell’odio”

  1. Come la madre, tale figlia : 2 ipocrite.

  2. Che razza di infami bastardi;vomitano il loro odio su di un bambino di 10(dieci)anni!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -