Commissione UE chiede all’Italia una manovra bis da 3,4 mld di euro

Eurogrouppo Padoan

“Sono in corso in questi giorni contatti con la Commissione per valutare i passi opportuni per evitare l’apertura di una procedura di infrazione e al tempo stesso scongiurare il rischio che interventi restrittivi sul bilancio compromettano la crescita riavviata nell’economia nazionale a partire dal 2014 ma ancora debole”. Così fonti del Mef sulle anticipazioni di stampa in merito alla richiesta della Commissione europea al governo di una manovra bis pari ad almeno 3,4 mld di euro per centrare gli impegni sul bilancio.

Fonti del Tesoro ricordano che “il 5 dicembre 2016 si è tenuta una riunione dell’Eurogruppo nella quale i ministri delle finanze della Zona euro hanno invitato l’Italia fare passi utili ad assicurare che il bilancio 2017 risulti conforme alle regole del Patto di stabilità e crescita. Tali passi sarebbero cruciali per evitare l’apertura di una procedura di infrazione a causa dell’elevato livello di debito pubblico”.

Deflazione e condizioni di mercato avverse alle privatizzazioni, fa notare ancora il Mef, pesano sul debito italiano, ma il governo – nonostante lo stock elevato – non intende “svendere” asset nazionali, in attesa di condizioni più favorevoli.

Il governo ha già ricordato che il percorso di riduzione del rapporto debito pubblico-pil, stabilizzatosi rispetto alla tendenza degli ultimi 8 anni, “non registra ancora un’adeguata propensione alla contrazione a causa di due fattori fuori dal controllo del governo”, osservano fonti del Tesoro.

Primo: l’andamento dei prezzi negativo che incide sull’andamento nominale del prodotto interno lordo (proprio oggi l’Istat ha confermato che in media nell’anno 2016 i prezzi al consumo hanno registrato una variazione negativa (-0,1%) come non accadeva dal 1959.

Secondo: le condizione avverse dei mercati finanziari che “non hanno reso possibile la cessione di beni del patrimonio dello Stato a condizioni adeguate (pur in presenza di una dinamica insoddisfacente del debito pubblico, infatti, è intenzione del Governo evitare di svendere asset nazionali)”, sottolineano le fonti. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -