Respinto permesso soggiorno a imam di Genova “è indagato per terrorismo”

IMAM-Mohamed-Naji

GENOVA, 15 GEN – Respinta la richiesta di permesso di soggiorno presentata da Mohamed Naji, 33 anni, marocchino imam della moschea di Sampierdarena, a Genova, perchè ritenuto socialmente pericoloso in quanto indagato per terrorismo. Naji è sott’inchiesta dall’agosto 2016 insieme ad altri due referenti della comunità musulmana genovese, l’albanese Bledar Breshta e il tunisino Mohamed Othman, tutti sospettati di fare parte di una cellula fondamentalista legata a due fratelli di Varese in procinto di partire per la Siria.

La notizia del rifiuto a concedere il permesso di soggiorno è stata anticipata dal Secolo XIX. Oltre all’indagine sulla cellula islamica a contribuire al respingimento della domanda di Naji è anche il suo matrimonio con una italiana residente a Rapallo. Nella memoria allegata all’istanza Naji racconta che stava cercando “una donna italiana islamica da sposare”. Di fatto, fanno notare da fonti bene informate, ammettendo di avere cercato una italiana, per ottenere permesso di soggiorno e cittadinanza. ANSA



   

 

 

1 Commento per “Respinto permesso soggiorno a imam di Genova “è indagato per terrorismo””

  1. Questi sono TUTTI così!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -