Finti profughi pakistani arrivano indottrinati con false storie di persecuzioni

 

Udine – Tutti simpatizzanti del partito fondato da Zulfiqar Ali Bhutto. Impiccato. Tutti innamorati della figlia Benazir Bhutto. Assassinata nel 2007. Peccato però che, alla prova dei fatti, moltissimi non sappiano mettere in relazione questi nomi con il PPP, ovvero il Partito Popolare Pakistano, Pakistan Peoples Party, a cui proprio il riverito Ali aveva dato vita e per il quale perse la vita. IL GIORNALE

profughi-pakistan

Questionari alla mano, moltissimi dei presunti pakistani richiedenti asilo che finiscono ospitati alla caserma Cavarzerani (Udine) prima di iniziare il tour fra hotel e poi appartamenti gestiti da onlus e Caritas, non hanno alba della geografia politica del dissenso. Quando le forze investigative, infatti, avevano tempo fa somministrato in Friuli dei test conoscitivi per valutare la reale dichiarata persecuzione per motivi politici, è venuto fuori il teatrino degli assurdi. Come, appunto, il non sapere minimamente che cosa sia il Partito fondato dalla dinasty Bhutto.

Fonti investigative locali propendono per una spiegazione: questi presunti perseguitati politici in Pakistan, e/o perseguitati in considerazione di rivalità interreligiose subite, arrivano qui già indottrinati con la versione ufficiale da sciorinare a chi, superficialmente, compila le domande. La parola magica che dovrebbe aprire le porte ruota attorno all’apriti sesamo Bhutto. Ma se si cerca di approfondire la conoscenza politica, si mette presto a nudo la verità: la (finta) persecuzione viene preparata a tavolino. Arrivano qui con la lezioncina già imparata a memoria. A conferma che esiste una disegno dietro questi arrivi. Che strano poi che siano persino dei pakistani di tradizione sunnita a dichiararsi pro politica di Bhutto che, notoriamente, è sciita, anzi la bandiera del Pakistan Peoples Party riporta i colori tradizionali dell’Islam sciita, ovvero nero-rosso-verde, ma questo dettaglio, spesso, i perseguitati sciiti filo-bhuttiani sunniti, l’hanno dimenticato. […]



   

 

 

1 Commento per “Finti profughi pakistani arrivano indottrinati con false storie di persecuzioni”

  1. Impossibile:questi qua non mentono mai;dicono sempre e solo la verità!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -