Terremotati riportano gli animali nelle stalle pericolanti

 

MACERATA, 11 GEN – “Abbiamo dovuto riportare le mucche nella stalla inagibile perché fuori avevano un palmo di ghiaccio sul dorso. Stiamo aspettando una tensostruttura per ricoverare gli animali, ma qui non si fa vedere nessuno“. E’ esasperata Michela Paris, allevatrice di Ussita, 30 anni, due bambini, che aveva puntato tutto sulla sua azienda agricola, aperta proprio nell’anno appena trascorso, decidendo di proseguire l’attività di famiglia e di restare in un territorio di montagna soggetto allo spopolamento.

“Abbiamo 50 vacche di razza marchigiana, 40 cavalli e un centinaio di pecore sopravvissane. Non possiamo tenere gli animali fuori, perché si gela. Così li abbiamo riportati nella stalla, dove c’è una parete pericolante. Stiamo attenti a non avvicinarci e andiamo avanti così”. Dopo le scosse, Michela è ‘sfollata’ a Porto Recanati: “Da un mese facciamo avanti e indietro per andare a accudire le bestie. Non avevamo nemmeno un camper per noi, ce lo ha prestato un’amica. La situazione è drammatica”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -