Di nuovo crisi a L’Unità, partono i licenziamenti collettivi

unita

«La situazione all’Unità precipita». Lo rende noto il cdr dell’Unità, spiegando che «in modo assolutamente unilaterale l’amministratore delegato, Guido Stefanelli (attraverso una delegata dell’azienda Pessina), oggi ha annunciato di voler dare il via a licenziamenti collettivi senza ammortizzatori sociali, anziché proseguire nella trattativa con il sindacato per la trasformazione di articolo 1 in articoli 2». «Licenziamenti ai quali – prosegue il cdr – il direttore Sergio Staino ha detto volersi opporre fermamente». La redazione è in assemblea permanente, oggi sarà in sciopero. Alle 16 si terrà una conferenza stampa con il direttore Staino, il condirettore Andrea Romano, il comitato di redazione e tutti i giornalisti e le giornaliste dell’Unità.

«Non possiamo tollerare – si legge in una nota – la violenza e la totale mancanza di rispetto nei confronti della rappresentanza sindacale di un’azienda che oggi, a ventiquattro ore da un’assemblea dei soci decisiva per il futuro de l’Unità, ha deciso di inviare ad un incontro fissato da tempo una rappresentante delegata, che nulla ha a che vedere con l’azienda di cui siamo dipendenti, per comunicarci l’intenzione di procedere immediatamente con una riduzione del personale senza percorrere la strada degli ammortizzatori sociali. In una parola: licenziamenti».

«Sia chiaro all’azienda – conclude la nota – siamo pronti a difendere i nostri posti di lavoro e il nostro futuro in ogni ambito, compresi i tribunali della Repubblica a cui chiederemo di fare luce su questi diciotto mesi di gestione… Vogliamo ribadire che la responsabilità di questa situazione non è nostra e che, dunque, non possiamo essere noi a pagarla. I colpevoli hanno nomi e cognomi e ne risponderanno in tutte le sedi».

«Ricordo ai Pessina (i soci di maggioranza della società Unità Srl, ndr) – aggiunge il condirettore e deputato del Pd Andrea Romano – che l’Unità non è un autobus dal quale si sale e si scende a seconda della convenienza. È stato preso un impegno e va rispettato. Il Pd (socio di minoranza al 20%, ndr) farà tutto quello che è in suo potere per cercare di risolvere la situazione». MESSAGGERO



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -