Militare tenta il suicidio, indagato per “distruzione di proiettile”

 

Aveva tentato il suicidio puntandosi una pistola alla tempia ma poi aveva desistito. Per questo un militare non solo è stato riformato, ma è indagato “per violata consegna e per tentata distruzione di oggetti d’armamento militare” cioè il proiettile che stava per spararsi in testa.

E’ uno dei casi citati dall’avvocato l’avvocato Giorgio Carta, specializzato in Diritto militare e per le Forze di Polizia, ex ufficiale dell’Arma dei Carabinieri in congedo che, in un intervento pubblicato su GrNet.it, sito specializzato sui temi della Sicurezza e della Difesa, denuncia le “follie giuridiche” del codice militare. Tra gli altri episodi ricordati dal legale, quello di un militare sottoposto a procedimento disciplinare “per essersi prodotto una frattura durante l’espletamento del servizio. L’accusa? Quella di non aver prestato la dovuta attenzione, procurandosi così colposamente un’infermità fisica”. Tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -