Obama a Trump: “Putin non è nella nostra squadra”

obama-clinton

“Vladimir Putin non è nella nostra squadra”. Lo ha detto il presidente americano uscente Barack Obama, rivolto al successore Donald Trump, in un’intervista all’emittente Abc dopo che un bizzarro rapporto dei servizi americani ha accusato il leader russo di aver “ordinato” una campagna per influenzare le elezioni americane a favore del miliardario newyorchese.

“Una delle cose che mi preoccupano è il livello cui siamo arrivati, con repubblicani, opinionisti e commentatori televisivi che sembrano avere più fiducia in Vladimir Putin che in altri americani perché questi americani sono democratici. Questo non può essere”, ha affermato Obama. “Dobbiamo ricordarci che siamo nella stessa squadra. Vladimir Putin non è nella nostra squadra”, ha aggiunto il presidente, secondo le anticipazioni dell’intervista che sarà trasmessa domani.

Secondo l’intelligence (si fa per dire!) USA, la Russia ha festeggiato la vittoria di Trump e questo atteggiamento insospettisce i servizi segreti che, caduti veramente troppo in basso, ormai non temono piu’ neanche di rendersi ridicoli.

Nessuna delle intercettazioni, sottolineano le fonti, può essere considerata una “pistola fumante”, ovvero una prova definitiva. Tuttavia l’entusiasmo dimostrato dai funzionari intercettati è uno dei diversi indicatori a sostegno della tesi che l’attacco informatico al partito democratico è stato diretto dai russi per favorire Trump alle elezioni di novembre.

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -