Detenuto algerino si cuce bocca per protesta

 

RIMINI, 3 GEN – Un 39enne algerino, detenuto nel carcere dei ‘Casetti’ di Rimini, oggi pomeriggio si è cucito la bocca con ago e filo per protestare contro le condizioni carcerarie. L’uomo, che si è procurato il necessario allo spaccio del carcere, è stato soccorso dagli agenti della Polizia penitenziaria che lo hanno portato in infermeria, dove il medico gli ha messo i punti di sutura e lo ha medicato. Il delegato regionale del Sappe Massimiliano Vitale spiega che si è trattato di “un atto di protesta”. I problemi affrontati in carcere, come il sovraffollamento e la carenza di organico, sono stati sollevati anche recentemente in occasione di una visita del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -