Meningite, 3 nuovi casi in Toscana: 20enne in terapia intensiva

 

Prato, 1 gennaio 2017 – Non si placa la meningite in Toscana. Dopo la morte del bambino di 22 mesi di Porcari (Lucca) il 29 dicembre, nella sera dell’ultimo dell’anno un nuovo caso è stato diagnosticato all’ospedale Santo Stefano di Prato. Si tratta di una giovane di 20 anni, ricoverata in terapia intensiva: gli esami condotti all’ospedale Meyer di Firenze hanno confermato che si tratta di meningite C, la più diffusa in Toscana, un ceppo particolarmente aggressivo che negli ultimi due anni ha mietuto numerose vittime e costretto la Regione a un piano straordinario di vaccinazione. e anche se glie sperti non vogliono sentir parlare di epidemia (con qualche distinguo), sicuramente c’è qualcosa che non torna: il numero dei casi in Toscana è decisamente sopra la media. LA NAZIONE

Meningite e immigrati, il documento della ASL >>>

Meningite e Africa -   Scheda della malattia >>>>

(ANSA) FIRENZE, 1 GEN – Tre casi di meningite in Toscana nelle ultime 24 ore, due di tipo B, uno di tipo C. Dopo la ventenne di Prato ricoverata nella serata di ieri nella terapia intensiva dell’ospedale Santo Stefano (meningococco di tipo C), ad un uomo di 83 anni di Livorno è stata diagnosticata una meningite da emofilo di tipo B. Questa patologia, ha precisato la usl, non comporta profilassi per i soggetti venuti in contatto con l’anziano ultimamente. Terzo caso, nel Fiorentino: un uomo di 55 anni, residente a Impruneta (Firenze), è stato ricoverato nel presidio ospedaliero di Santa Maria Annunziata per meningite di tipo B. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -