Pensioni: da gennaio 2017 non saranno pagate il 1° del mese

 

A partire da gennaio 2017 l’accredito della pensione non arriverà più il primo giorno del mese, ma a partire dal “secondo giorno bancabile”, come stabilito dall’articolo 6 del decreto legge 21 maggio 2015, n. 65. Sul proprio sito l’Inps ha comunicato che la novità riguarderà i pagamenti dei trattamenti pensionistici, degli assegni, pensioni e indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, nonché delle rendite vitalizie dell’INAIL.

Per quanto riguarda la prossima rata di pensione l’ente previdenziale ha comunicato che sarà erogata da Poste e banche il 3 gennaio 2017. Chiaramente non ci sarà alcuna penalizzazione sugli importi in pagamento, e tuttavia la novità non farà certo felici i pensionati che “non riescono ad arrivare alla fine del mese”. E’ vero, infatti, che rispetto alle banche molti uffici postali sono aperti anche il sabato; tuttavia il cambio da giorno non festivo a bancabile potrebbe avere un effetto non trascurabile: la valuta degli accrediti verrebbe spostata non di un solo giorno, ma ciò comporterebbe il raddoppio delle probabilità che uno dei due giorni interessati fosse festivo, con un ulteriore slittamento dei pagamenti.

today.it



   

 

 

1 Commento per “Pensioni: da gennaio 2017 non saranno pagate il 1° del mese”

  1. Che due m……..adesso devo spostare gli accrediti di affitto, luce, ecc. altrimenti vado in rosso un mese se ed uno no……..

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -